A tratti

Oscurità. Freddo artificiale e caldo innaturale collidono senza vincitori nè vinti.
I miei occhi vagano. Non c’è niente da vedere tranne lo schermo bianco. Una serie di
caratteri si aggiunge ad intervalli irregolari. Una melodia inconsueta sullo sfondo
mi accompagna. Parole ormai dimenticate la integrano ed io ne derivo la consueta
sensazione piacevole. Nessun’altra tra le persone che conosco ne sarebbe capace.

Chiudo gli occhi per un istante, come per trarre sollievo ma è tutto inutile. Sono
perennemente stanco ed ogni azione richiede uno sforzo spropositato. Perché fare
qualcosa dopotutto? Il tempo non scorre indipendentemente dalle nostre azioni?
Sorrido. Se continuo a farmi domande ho ancora una speranza.

Aspetto la prossima traccia, aspetto che un qualsivoglia evento interrompa il tutto.
Non accadrà. E se dovesse succedere sarebbe l’ennesima conferma che qualcuno non ha
niente di meglio da fare che rompermi i coglioni. E’ una contraddizione? Certamente.
Anche il fatto che io sia ancora qui è una contraddizione. D’altronde non esiste
sistema filosofico privo di aporie.

La vita sociale mi aspetta a braccia aperte come un parente lontano che decide di farsi
vedere dopo dieci anni di assenza: sai benissimo che a lui non frega un cazzo di te ma
ti convinci comunque a rivederlo, ti illudi che stavolta le cose possano cambiare e
come volevasi dimostrare tutto torna esattamente come prima. Portasse un regalino almeno.

Cancello e riscrivo più volte la conclusione. Frasi prese paro paro dal pezzo che sto
ascoltando conferirebbero lo spessore ricercato per incastonare i concetti espressi nei
periodi precendenti. Ma il mio desiderio è quello di non inserire volutamente citazioni.
Alla fine delle citazioni non frega un cazzo a nessuno. A dirla tutta di qualunque parola
scritta qui non frega un cazzo a nessuno.

Tolti quei quattro gatti che finiscono per sbaglio qui ovviamente.
Un miao a tutti voi :*

Annunci

Informazioni su Fabio

Studente universitario (pessimo), scrittore a tempo perso, fine estimatore di libri e musica (ma anche no), nippomane.
Questa voce è stata pubblicata in La voce di Radio Atashi e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...